Malattie trasmesse dalle zanzare all'uomo

Malattie trasmesse dalle zanzare

Le zanzare sono ben più che un semplice fastidio estivo o notturno, sono infatti portatrici, o vettori, di alcune delle malattie più letali per l’umanità e sono il nemico pubblico numero uno nella lotta contro le malattie infettive.

Le malattie trasmesse dalle zanzare all'uomo provocano ogni anno centinaia di migliaia di morti in tutto il mondo, tanto da essere considerato il primo animale killer del pianeta (l’uomo, purtroppo, nella scala riportata in figura è il secondo e il tanto famigerato squalo si pone all’ultimo posto!).

Ci sono più di 3.000 specie conosciute di zanzare nel mondo, ma solo 3 di queste sono responsabili della diffusione di malattie che colpiscono l’uomo.

La zanzara Anopheles è l’unica specie riconosciuta responsabile della trasmissione della malaria. Le zanzare Culex trasportano l’encefalite, la filariosi e il virus del Nilo. Le Aedes, di cui la zanzara tigre è un membro, portano la febbre gialla, la dengue, la chikungunya e l’encefalite.
Negli ultimi mesi del 2015 ha fatto la sua terribile apparizione il virus Zika, considerato responsabile della nascita di neonati affetti da microcefalia in alcune aree del Brasile e dell'America Centrale. Il virus Zika è conosciuto fin dalla metà del secolo scorso, ma solo dal 2013 hanno iniziato a moltiplicarsi i focolai di infezione. In questo articolo puoi trovare un approfondimento sui sintomi e sulla trasmissione dello Zika virus.

Le zanzare trasmettono la malattia in modi diversi. Nel caso della malaria, i parassiti si attaccano allo stomaco della zanzara femmina che poi li trasmette ad un altro soggetto mentre si nutre. Nel caso della febbre gialla e della dengue, il virus entra nella zanzara quando questa succhia il sangue di un individuo infetto e viene trasmesso attraverso la saliva della zanzara stessa ad una successivo vittima.

Anche se in Italia e in Europa il rischio di contrarre questo genere di malattie, che possono avere conseguenze anche letali, è molto limitato non bisogna tuttavia abbassare la guardia e attuare laddove possibile tutte quelle misure volte a contrastare la diffusione e il proliferare delle zanzare.

La chikungunya è una malattia virale caratterizzata da febbre acuta trasmessa dalla zanzara tigre. La prima epidemia è stata descritta nel 1952 in Tanzania, ma nel 2007 sono stati segnalati i primi casi in Emilia Romagna.

Le amministrazioni pubbliche, ma anche i semplici cittadini, dovrebbero programmare delle azioni mirate di disinfestazione zanzare o interventi larvicidi, soprattutto nel corso dei mesi primaverili, per cercare di ridurre il numero di esemplari in circolazione. Il cittadino può dotarsi di strumenti di difesa personali, come gli impianti antizanzare a nebulizzazione, che permettono di ridurre considerevolmente il numero di zanzare presenti in una precisa zona tramite una mirata azione abbattente e un efficace controllo degli esemplari in circolazione per mezzo di un’azione disabituante. Proteggere dalle zanzare il perimetro della propria abitazione è un passo importante per la tutela del proprio benessere e della propria salute e quella dei propri cari.

Animali killer nel mondo